Decreto Milleproroghe: coinvolta anche la sicurezza antincendio

La sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro e nei luoghi comuni entra nel decreto milleproroghe. Una “Proroga di termini in materia di amministrazione dell’interno” che legifera in merito alle disposizioni da mettere in atto per la prevenzione degli incendi, il decreto legifera anche in merito a situazioni in cui si presenta una mancata ammissione del piano straordinario in base alle caratteristiche definite nel testo della proroga, esattamente il punto 8 dell’articolo 15. La sicurezza sul lavoro come prevenzione degli incendi, un aspetto che va a definire alcune lacune della normativa e che fa il punto del lavoro portato avanti dalle istituzioni in relazione alla necessità di tutelare i cittadini lavoratori e non attraverso la definizione di tutto quello che è obbligatorio fare per garantire la sicurezza soprattutto in merito agli incendi.

Di seguito i due punti fondamentali del decreto che riguardano nello specifico la tematica della sicurezza antincendio:

Punti 7 e 8 dell’ Articolo 15 – Proroga di termini in materia di amministrazione dell’interno:

7. Il termine stabilito dall’articolo 23, comma 9, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, come da ultimo prorogato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 marzo 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 74 del 31 marzo 2011, e’ ulteriormente prorogato al 31 dicembre 2012 per le strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre venticinque posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro dell’interno del 9 aprile 1994, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 maggio 1994, che non abbiano completato l’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi e siano ammesse, a domanda, al piano straordinario biennale di adeguamento antincendio, approvato con decreto del Ministro dell’interno da adottarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

8. In caso di omessa presentazione dell’istanza, di mancata ammissione al piano straordinario ovvero nel caso in cui, alla data del 31 dicembre 2012, non risulti ancora completato l’adeguamento antincendio delle strutture ricettive di cui al comma 7, si applicano le sanzioni di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151.

© 2012 Corso Antincendio Roma.it Contatti | Privacy | Termini e Condizioni d'uso | by Seo.roma.it