Prevenzione incendio, rapporto con i VV.F di Roma

Quello della prevenzione all’incendio è un aspetto fondamentale del complessivo discorso riguardante la sicurezza sul lavoro, la sicurezza dell’azienda e l’incolumità dei lavoratori. Il Testo unico sulla sicurezza, D.lgs 81/08 ne fa uno dei cardini del proprio impianto normativo. L’antincendio, l’assicurare strutture e lavoratori dalla probabilità del rischio incendio è appaiato nella considerazione di legge ad altri temi chiave come il primo soccorso, la presenza di RSPP, o di RLS.
Ogni azienda in regola deve avere piani di prevenzione antincendio, piani di reazione e di evacuazione, affiancati e completati da personale formato, da addetti antincendio, che sappiano guidare i propri colleghi nell’emergenza e approntare misure di prevenzione utili a scongiurare e disinnescare l’eventuale emergenza stessa.  L’adempiere correttamente a quanto previsto dalla legge, la regolarità delle misure approntate verrà controllata dagli organi istituzionali  adibiti a tale controllo, che valuteranno meriti e mancanze nel rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro e della normativa antincendio.

Per quanto riguarda Roma, il Lazio, le amministrazioni locali, in particolar modo la Regione Lazio, hanno la facoltà di richiedere relativa verifica, di approntare misure di controllo di concerto con le ispezioni romane e laziali facenti capo al Ministero del lavoro, ai Vigili del Fuoco, e INAIL. Ovvero alle strutture superiori e prime che sorvegliano sulla sicurezza sul lavoro nelle aziende e certificano la regolarità di prassi, impianti, pratiche e formazione del personale.
Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro così si esprime nei riguardi del datore di lavoro per quanto riguarda la prevenzione all’incendio:
Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente. Il datore di lavoro deve: b) designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza; t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell’evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato […]. Tali misure devono essere adeguate alla natura dell’attività, alle dimensioni dell’azienda o dell’unità produttiva, e al numero delle persone presenti”.

Ma non basta. Ancora il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro dedica un intero articolo alla prevenzione all’incendio, alla mera definizione di tale obbligo. E così si esprime:

Art. 46. Prevenzione incendi: 1. La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico, di esclusiva competenza statuale, diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul
territorio nazionale, gli obiettivi di sicurezza della vita umana, di incolumità delle persone e di tutela dei beni e dell’ambiente. 2. Nei luoghi di lavoro soggetti al presente decreto legislativo devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l’incolumità dei lavoratori”.

La formazione dell’addetto antincendio viene considerata come una delle misure obbligatorie tramite le quali tutelare l’incolumità dei lavoratori. In ogni azienda deve esserci, in un numero commisurato all’entità e alla grandezza dell’azienda stessa, uno o più addetti antincendio. Responsabili della quotidiana e continua vigilanza e prevenzione.
La funzione degli addetti antincendio deve trovare ovviamente giustificazione ed essere supportata da strutture adeguate, da impianti a norma, certificati e testati. L’azienda non può prescindere dal dotarsi di estintori, piani di evacuazione, porte antincendio, di ogni misura preventiva prevista dalla legge senza la quale l’azione e la presenza di personale antincendio sarebbe vana.
La prevenzione incendio rappresenta quindi un complesso sistema del quale l’azienda deve dotarsi e che, se seguito a pieno, regolarmente, in ogni suo aspetto garantisce protezione e capacità di reazione. In ultimo, ma non meno importante, le misure preventive sono stabilite e approntat di concerto con i Dipartimenti territoriali dei Vigili del Fuoco.
I professionisti dell’antincendio, il corpo dello stato fondamentale, celebre, vitale, per il quale è ancora il Testo unico sulla sicurezza, ancora nel suo articolo 46  a indicare l’imprescindibile e fondamentale funzione.

Art. 46: 5. Al fine di favorire il miglioramento dei livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro, ed ai sensi dell’articolo 14, comma 2, lettera h), del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, con decreto del Ministro dell’interno sono istituiti, presso ogni direzione regionale dei vigili del fuoco, dei nuclei specialistici per l’effettuazione di una specifica attività di assistenza alle aziende. Il medesimo decreto contiene le procedure per l’espletamento della attività di assistenza; 6. In relazione ai principi di cui ai commi precedenti, ogni disposizione contenuta nel presente decreto legislativo, concernente aspetti di prevenzione incendi, sia per l’attività di disciplina che di controllo, deve essere riferita agli organi centrali e periferici del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, di cui agli articoli 1 e 2 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Restano ferme le rispettive competenze di cui all’articolo 13”.

Le aziende e le imprese di Roma, provincia di Roma, Lazio, debbono coordinarsi e richiedere l’apporto della professionalità dei Vigili del Fuoco competenti nel proprio territorio.

 

2 Commenti to “Prevenzione incendio, rapporto con i VV.F di Roma”

  1. […] stata affidata al Nucleo Investigativo Antincedio dei Vigili del Fuoco, attivo nella lotta e nella prevenzione incendi, impegnato soprattutto a capire perché il sistema di allarme antincendio non si è […]

  2. […] ottica di gestione e prevenzione incendi, l’attività dei Vigili del Fuoco sarà quindi ora supportata da questo nuovo sistema che […]

© 2012 Corso Antincendio Roma.it Contatti | Privacy | Termini e Condizioni d'uso | by Seo.roma.it